The face of the other

Il Silent-Play utilizza in termini teatrali le “radio guide” turistiche mettendole in gioco al di fuori dei tradizionali circuiti artistici, museali, storici. Produce performances, spettacoli itineranti, progetti di indagine sulla memoria, mette in scena gli spazi urbani ed architettonici e cerca di essere uno strumento valido anche per parlare di sociale, di quei temi che abbisognano di strumenti nuovi e non più accademici, soprattutto in ambienti giovanili.

 

“Il volto dell’altro” è uno spettacolo/performance interattivo, che attraverso la tecnica del Silent Play mette in scena una riflessione che nasce dal lavoro recente di Caritas Internationalis sui temi dei flussi migratori e dell’incontro tra culture diverse.

 

Lo trovi nel sito dedicato thefaceoftheother.org