@Storytelling2016 – Day 1

@Storytelling2016 – Day 1

Un viaggio fuori dal comune non può che cominciare con una partenza fuori dal comune…

Tra ritardi, incidenti con annesse code chilometriche e sorpassi improvvisati lungo la corsia di emergenza – tanto si mi sembra di ricordare che il codice della strada lo permetta (grazie Mabo) – siamo arrivati in aeroporto. Frittata, lasagne e pomodori per colazione alle tre di mattina e senza accorgercene siamo ad Amman.

Ci ritroviamo su un vecchio pulmino giallo con un autista che non spiaccica nemmeno una parola di inglese e che ci guarda incuriosito. Una sola domanda accompagna il viaggio: “Sarà lui? Arriveremo mai a Madaba?”

Tra un caffè e l’altro la giornata è stata ricca di incontri.

Come prima cosa ci hanno portato a vedere la parrocchia dove svolgeremo nei prossimi giorni le attività con i ragazzi giordani e dove faremo dei training con i giovani europei che ci raggiungeranno tra dieci giorni. Poi, ci siamo spostati al “Sermig – L’arsenale dell’incontro” per conoscere i progetti che vengono svolti assieme ai tanti ragazzi giordani con diverse disabilità. In tarda mattinata siamo andati a visitare il Centro Caritas che lavora ogni giorno con più di un centinaio di persone di diverse nazionalità, sia per visite mediche che per consultazioni di ogni genere.

IMG_8787

Infine, è venuto a trovarci il vescovo di Giordania, Maroun Lahham, che ci ha tenuto compagnia nel pomeriggio.

In tutta la giornata siamo stati accompagnati da Abuna Wissam e da i volontari Caritas che con la loro disponibilità e accoglienza ci hanno fatto sentire fin da subito a casa.

Soltanto quando ci siamo ritrovati nel mezzo del deserto giordano ad ammirare uno di qui tramonti che ti fanno sentire piccolo piccolo per quanto siano maestosi, abbiamo realizzato veramente dove eravamo e quanto grande era la fortuna di trovarci lì.

IMG_8919

Quella bellezza, quelle luci e quei colori hanno fatto in un attimo passare in secondo piano il sonno e la stanchezza della giornata più lunga della nostra vita facendoci sentire nel posto giusto al momento giusto.

Carichi per cominciare questa esperienza!

Anna, Cecilia e Sara